Il Natural Bodybuilding e gli effetti sul testosterone.

naturalNell’ambito del natural bodybuilding spesso si sente la storia che un
Workout non dovrebbe durare piu di 45 minuti.

Il motivo? A quanto pare dopo 45 minuti la produzione di testosterone
dimunuisce. Nessuno sembra contraddire questo assunto che viene di fatto
preso per buono senza troppe repliche. Così noi autolimitiamo la durata

del workout per preservare il nostro prezioso testosterone, ma nessuno
spiega perchè atleti natural avanzati presentano livelli molto bassi di
testosterone endogeno, sono tutti sovrallenati? Si direbbe di no, il fatto è
che in ultima analisi nel lungo periodo il bodybuilding ha un pessimo
effetto sulla produzione di testosterone endogeno. Se si guardano alcuni
studi scientifici al riguardo si vede che in alcuni soggetti c’è un
innalzamento di testo immediatamente dopo la fine del workout, in altri
non succede praticamente niente, in alcuni c’è un calo. Ma in mezzo a
questa giungla di risultanze eterogenee risulta molto chiaro un tread: più
si è atleti avanzati peggio si risponde al workout in termini di
Testosterone endogeno.

C’è uno studio molto interessante che riassume un po tutte queste varie
tendenze effettuato sugli sprinter che corrono i 400 metri. Questi atleti
impiegano circa 45-50 secondi ad effettuare tale prova e ciò è molto
interessante perchè tale tempo è vicino alla media di una serie tipica del
BB. Orbene in questi atleti alcuni con 8 anni di specifico allenamento alle
spalle altri con “solo” 4, in quelli che producevano piu potenza (e quindi
tempi inferiori) la concentrazione di acido lattico saliva del 1100%, mentre
in quelli piu “lenti” si raggiungeva circa l’800%.
In virtù di queste enormi concentrazioni ci si aspetterebbe che il T
aumenti essendo il lattato un potente stimolatore dell’attività endocrina.
Come risultato si ebbe infatti che l’ LH (l’ormone che stimola la
produzione di T) aumentò del 100% negli sprinter piu veloci e solo del
25% in quelli piu lenti. Normalmente piu LH significa piu T, ed è quello
che si è manifestato negli atleti “lenti”, con un incremento medio del 27%
di Testosterone totale e 60% di Testosterone libero. Ma quello che è
assolutamente interessante è quello che è successo negli atleti più
veloci: tutti hanno mostrato una diminuzione media dei livelli di
Testosterone totale e libero dall’ 11 al 26%.

E’ esattamente qui che crolla il mito dei 45 minuti… questo studio
dimostra che un atleta avanzato manifesta un calo di Testosterone dopo
appena 45 SECONDI di sforzo massimale… altro che minuti. Lo studio
ha altresì mostrato come questa inibizione perduri anche per 24 ore,
ovvero all’atleta servono 24 ore affinchè i livelli di Testosterone tornino
normali. La risposta a questo apparente paradosso che vede elevati livelli
di LH e bassi di Testosterone è semplice, i testicoli degli atleti di elite
sono ESAURITI.
La stimolazione costante che perdura nei primi anni di allenamento (che
non è un caso siano i piu produttivi) diminuisce la capacità dei testicoli di
produrre testosterone. Sulla base dei risultati dello studio si può affermare
che 8 anni di allenamento siano in grado di portare all’esaurimento i
testicoli, ed i soggetti erano ancora piuttosto giovani (media 25 anni) è
probabile che con età ancora più avanzata ci si possa esaurire anche
prima. Da notare che i livelli principalmente colpiti sono quelli di
Testosterone libero, che sono diminuiti tantissimo nel gruppo di atleti più
avanzati.

Considerando mano a mano che si diventa piu vecchi e SBHG in media
aumentano dell’1% la combinazione di questi due elementi, si concretano
in una avanzata forma di invecchiamento precoce che rende il futuro poco
roseo almeno sotto questo punto di vista. Aggiungiamoci anche che le
low Kcal/carbo diet non aiutano certo i livelli di testo (e non serve ad una
sega mangiare cibi colesterolici o grassi in generale) il che porta per
l’ennesima volta che, per un natural, le fasi di “bulk” estremo siano da
evitare in quanto poi richiedono fasi di cut altrettanto estreme che
affossano senza pietà i livelli di testosterone.

Fortunatamente non è tutto cosi negativo, la massa muscolare può
aumentare anche in condizioni di bassi livelli di Testosterone, in quanto
questa è maggiormente correlata alla densità dei recettori androgeni
piuttosto che ai livelli di Testosterone, addirittura alcune evidenze portano
a ritenere che tali recettori possano auto-attivarsi se le contrazioni
muscolari sono abbastanza intense, ma è chiaro che in casi estremi di
esaurimento la terapia sostitutiva è l’unica strada percorribile.

Fonte: Domenico Mancini. bbhit

Il Natural Bodybuilding e gli effetti sul testosterone.ultima modifica: 2014-02-07T00:22:23+00:00da wwellness
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento